Oggi, 2 giugno: l’Italia celebrata coi suoi artisti più grandi!

Oggi, 2 giugno: festa della Repubblica. Una festa che divide ancora, sebbene siano passati settant’anni dal fatidico referendum con suffragio universale che cambiò la forma di governo del nostro Stato. C’è chi celebra questo giorno come un grande avvenimento, ma al contempo c’è chi ancora critica e vorrebbe cancellare la festa di oggi. Occupandoci di cinema, televisione e musica è doveroso celebrare e rendere omaggio alle glorie italiane in questi ambiti.

Partendo dal cinema, è impossibile dimenticare registi italiani famosi in tutto il mondo, come Michelangelo Antonioni, Federico Fellini, Sergio Leone, Pierpaolo Pasolini, Ettore Scola. Ma l’Italia e anche culla di attori ed attrici straordinari. Come non ricordare la comicità di Totò ed Alberto Sordi, le cui battute celebri sono entrate nella storia del cinema mondiale; i grandi della commedia all’italiana, tra questi Vittorio De Sica, Marcello Mastroianni, Vittorio Gassman, Ugo Tognazzi e Nino Manfredi; l’incredibile talento e la versatilità di Gian Maria Volonté, il quale spaziava dei film politici ai cosiddetti ‘spaghetti-western’; attrici splendide e talentuose, come Sophia Loren, Silvana Mangano, Gina Lollobrigida, Silvana Pampanini, Giulietta Masina e Sandra Milo. Non bisogna dimenticare che il cinema delle origini ha trovato grande fortuna in Italia, dove vennero girati i più grandi capolavori dei primi anni del Novecento. Il primo lungometraggio, Cabiria di Giovanni Pastrone, fu appunto realizzato a Cinecittà.

Erano gli anni Cinquanta quando la Rai incominciò a trasmettere i primi segnali televisivi. Intere famiglie si riunivano la sera a seguire gli antenati dei quiz odierni presentati da un allora giovanissimo Mike Bongiorno. Fu una vera rivoluzione nel mondo dei media, che non ha ancora smesso di mutare e creare nuovi generi e format. Dal varietà alla fiction, dal quiz al talk-show, arrivando ai recenti talent e reality. Un mondo di grandi professionisti sia nel passato (Corrado, Raimondo Vianello, Pippo Baudo) sia nel presente (Gerry Scotti, Paolo Bonolis, Barbara d’Urso, Carlo Conti, Maria De Filippi); di splendide vallette (le gemelle Kessler, Minnie Minoprio, Dora Moroni) tramutate poi in showgirl (Alba Parietti, Belen Rodriguez, Raffaella Fico); di bambini prodigio e ragazze che hanno conosciuto la popolarità davvero giovanissime (Ambra Angiolini, Antonella Elia ed Alessia Merz); di meteore (Natalia Estrada, Nunzio Filogamo); di annunciatrici (Maria Giovanna Elmi, Fiorella Pierobon, Rosanna Vaudetti); di scandali, di gossip, di amori, di party, di ‘nani e ballerine’, di maggiorate, di ascolti, di battaglie mediatiche.

Ultima ma non meno importante la musica, che fin dagli albori della civiltà ha visto nell’Italia un luogo propizio e favorevole dove svilupparsi e maturare. Dall’ars nova alla musica profana, dagli strumentisti alle orchestre, dalle opere liriche al cantautorato. Da rammentare senza dubbio l’opera buffa; autori come Rossini, Verdi e Puccini; più recentemente la musica neomelodica napoletana, la musica leggera, il Festival di Sanremo, lo Zecchino d’Oro. L’Olimpo della musica è pieno di italiani, tra questi Nilla Pizzi, Toto Cutugno, i Pooh, Milva, Mina, Iva Zanicchi, Orietta Berti, Adriano Celentano, Gianni Morandi. Ad oggi si annoverano tra le glorie della musica contemporanea artisti come Eros Ramazzotti, Loredana Bertè, Laura Pausini, Elisa, Gigi d’Alessio, Tiziano Ferro e le nuove leve uscite dai talent, come Giusy Ferreri, Alessandra Amoroso, Emma, Marco Mengoni, i The Kolors.

Ma l’Italia è resa grande anche e soprattutto da tutta la gente comune, i lavoratori, le mamme, i padri di famiglia, gli artigiani e le industrie. Tutti a celebrare quella che è la Nazione più bella al mondo!

image

Precedente Novità per Paola Caruso: in autunno un programma tutto suo... Successivo La nuova vita di Sergio Arcuri, diviso tra Italia e Spagna!