Kekko Silvestre svela i dettagli del nuovo album dei Modà in uscita e racconta "il suo Sanremo"!

Saranno davvero felicissimi i fans di uno dei gruppi più amati d’Italia. Con le loro canzoni sono stati campioni di incassi non solo dal punto di vista delle vendite, ma anche per tutte le emozioni che hanno regalato al proprio pubblico. Un gruppo capace di riempire interi stadi. Un gruppo che è entrato nella storia: i Modà. E il prossimo 2 dicembre uscirà infatti un nuovo album, intitolato Passione maledetta 2.0. A presentarlo a Tv Sorrisi e canzoni, il leader della band Kekko Silvestre.

img_3912

Non sarà soltanto una riedizione dell’album che per lungo tempo è stato in vetta alle classifiche delle vendite italiane, ma questo nuovo progetto comprenderà oltre che a 10 brani inediti, anche due DVD. Ecco che cosa racconta Kekko: “Lo definirei un B-Side, una facciata B. Mi ero pentito di aver inserito solo dieci canzoni in Passione Maledetta e ho voluto rimediare con questi inediti in cui, oltre che dell’amore, canto di altri temi. Volevo costruire un disco un po’ diverso non pensato in termini di commerciabilità perché oggi non sono interessato a questo. Doveva essere un disco che si trascina o si fa trascinare dal precedente album, dal dvd e dai contenuti speciali. Per questo mi sono permesso maggiore libertà. L’ultima mano è ispirata a un mio amico che ora purtroppo non c’è più. Non aveva mai bevuto né fumato, ma aveva un grande vizio, il gioco d’azzardo. Ormai va considerato una droga a tutti gli effetti, penso davvero che le slot machine dovrebbero essere tolte dalla circolazione. Inoltre, in Mamma dice sempre, affronto il tema degli incidenti stradali dal punto di vista di un giovane patentato che non ascolta le raccomandazioni dei genitori e alla fine, provoca una tragedia”.

Lo scorso 9 novembre è anche partito il nuovo tour invernale della band, che regala al pubblico delle novità rispetto alle precedenti tournée. “Il concerto sarà più o meno uguale a quello negli stadi, con un palco più piccolo, qualche taglio nella scaletta e un’aggiunta: un medley al pianoforte dei brani che ho scritto per altri, da Una finestra tra le stelle di Annalisa a La paura che ho di perderti di Bianca Atzei, passando per una canzone poco nota, Splendida stupida di Micaela Foti” afferma il frontman. Poi arriva la classica domanda su Sanremo e Kekko spiega che cosa farebbe lui se fosse il direttore artistico della manifestazione canora: “Mi interesserebbero solo le canzoni, che sono sempre e solo la cosa più importante. Sceglierei brani degli artisti che mi trasmettono di più, senza nessun occhio alla popolarità. Mi piacerebbe anche far gareggiare i giovani in mezzo ai big. Tanto ormai i confini sono molto labili, si faceva anche negli anni ’80. Vorrei che si sentissero tutti allo stesso livello perché adesso mi sembrano, nonostante le ottime iniziative per dare loro più visibilità, ancora un po’ sacrificati. Mi piace anche l’idea di far sentire il giovane per la prima volta al momento della gara, senza far sentire il brano mesi prima”.

In conclusione Kekko inserisce nel suo ipotetico progetto anche la sua esperienza personale, che lo ha portato ad essere uno dei cantanti migliori che abbiamo in Italia: “Io sono uno di quelli che si è esibito a Sanremo Giovani all’una meno un quarto di notte. Sono tornato a casa depresso dentro una macchina, perché è un momento così delicato che se non te la giochi bene la prima volta, almeno devi poter avere una seconda chance. Poi secondo me negli ultimi anni ci sono stati giovani interessanti, quindi secondo me bisogna dare loro più visibilità. I giovani se li metti in mezzo ai big prendono un po’ del loro valore, se li separi le radio li considerano spesso un po’ meno, se non in rari casi. È un po’ un peccato perché se bisogna pensare solo all’interesse dei big, poi ci dimentichiamo che quei big erano i giovani di qualche anno prima”.

Precedente Scandalosa e bollente, Elettra Miura Lamborghini è al centro del gossip! Successivo Romina: "Io sono ancora sposata con Albano" - La replica di Loredana Lecciso a Domenica Live