Il pensiero ed il ricordo dei VIP sulla strage di Barcellona.

Un fatto terribile ha sconvolto l’opinione pubblica in un 2017 martoriato dagli attacchi terroristici: l’ennesima strage, questa volta a Barcellona. Ormai è un film che abbiamo già visto e viviamo sempre sperando di non diventarne mai i protagonisti: furgone, folla, morte. I personaggi pubblici han voluto dimostrare la loro solidarietà alle famiglie delle vittime e hanno voluto dire basta al terrorismo.

 

Raffaella Carrà: “Forza #Barcellona! Prego per le vittime e abbraccio le famiglie. Coraggio ai feriti che guariscano presto”.

 

Marco Carta: “Col cuore spezzato per #Barcellona. Non c’è fine alla tristezza per l’orrore a cui ci siamo dovuti abituare. Forza e coraggio”.

 

Vittorio Sgarbi: “Chi, di fronte a tanta violenza continua a pronunciare vacui appelli alla pace e alla tolleranza, è un complice”.

 

Emma Marrone: “Senza parole davanti all’ennesima tragedia dell’umanità. #Barcellona“.

 

Francesco Facchinetti: “«Un uomo può uccidere un fiore, due fiori, tre… ma non può contenere la primavera.» (Gandhi) #Barcellona“.

 

Giovanni Toti: “Ancora terrore in #Europa. Sangue e morte nel centro di #Barcellona. Siamo vicini alla Catalogna e a tutta la Spagna. Una preghiera per vittime e feriti. Certi che la paura non piegherà la determinazione degli uomini liberi”.

 

Vanessa Incontrada: “El terror en mi corazón .. .. mis lágrimas sangran de dolor .. #Barcellona”.

 

Barbara d’Urso: “In un mondo così complicato….. Vorrei che questa nuvola a forma di cuore fosse un segnale di speranza mandato dal cielo…. #sololamoreresta”.

 

Elenoire Casalegno: “Ancora una volta non ci sono parole per descrivere l’atrocità di quanto è accaduto. Provo disgusto. Cosa possiamo fare? Pregare? Si, certo. Credo però, che il mondo cambierà solo quando l’uomo sara’ in grado di modificarsi, trasformarsi. Quelli a cui assistiamo oggi, sono avvenimenti tragici, inumani, ma pensiamo alla nostra quotidianità, ai comportamenti che adottiamo ogni giorno. Sempre più rabbia, frustrazione, ignoranza, malignità, ostilità…e già, c’è sempre un buon motivo per scaricare il proprio rancore sul vicino di casa, sul collega, su colui che è capace di sorridere. E poi ci stupiamo, gridiamo “ORRORE” davanti a gesti pregni di violenza, ma siamo i primi, nella vita di tutti i giorni, ad essere scortati dall’odio. I piccoli gesti nascono dal cuore, e possono significare molto, più delle grandi azioni. Mettiamoci una mano sulla coscienza. Il mondo è popolato da uomini, se non cambiamo, nulla muterà. Impariamo a vivere nell’amore”.

 

Paola Caruso: “Estoy col El corazón aya #barcellona #bastardi #notiengopalabras”.

 

Simona Ventura: “Sono distrutta. Tots són de Barcelona #bastardi #maledetti #noncipiegheretemai #barcelona #barcellona #pray”.

 

Gracia De Torres: “Ogni volta che succede, in ogni posto, ma sopratutto in questo ultimo ‘la mia Spagna’, la città dove ho passato tanti anni, dove passeggiavo con le mie amiche, dove sono le mie amiche, dove mille volte ero seduta fra scherzi e tempo libero. Il mio paese piange, il mondo piange. E io ogni volta mi chiedo, perché le vittime siamo sempre noi invece di quelli che davvero dichiarano la guerra. Cercate pace facendo la guerra? Ma cosa è? Ma il denaro che spendono ogni volta che decidono di farci la guerra? Perché uccidiamo persone che stanno uccidendo persone per dimostrare che uccidere è sbagliato? Non ci rendiamo conto che la guerra è un massacro tra le persone che non si conoscono, a beneficio di persone che si sono conosciuti, ma non si massacrano??? L’unica cosa che posso dire al mio paese è FORZA E CORAGGIO A TUTTE LE FAMIGLIE”.

 

Claudia Galanti: “HATE it has caused a lot of problems in this world ,but it has not solved One yet”.

 

Valeria Marini: “Fundidos en un abrazo con #barcelona #barcelonacontigo #noviolence #noterrorism #peaceandlove”.

 

Rosy Dilettuso: “Non ci sono parole”.

Precedente Surviving Africa: novità sul reality e primi nomi per il cast! Successivo Attento Gianluca Vacchi, dalla Polonia arriva il nuovo Mr. Enjoy!